Giovanni Riso, Barone di Colòbria

13b1297547794e7e6904ca6fc508ecc8.jpg

La storia del barone Giovanni Riso e del suo legame con Carlentini. Nato il 13 febbraio 1836 da Pietro e Antonietta Notarbartolo, studiò prima a Palermo poi a Parigi. Ancora giovanissimo, fu con padre Ottavio Lanza a capo del movimento liberale aristocratico che prima dello sbarco in Sicilia di Garibaldi si unì al comitato rivoluzionario guidato dal vecchio barone Casimiro Pisani, uno dei parlamentari del ’48 che si era rifiutato di ritrattare l’atto di decadenza dei Borboni approvato dal Parlamento. Nel Natale del 1859 nella soffitta del palazzo palermitano dei Riso si riunirono i cospiratori, tra cui lo stesso Giovanni, per preparare armi e munizioni. Dopo la fallimentare insurrezione della Gancia fu arrestato insieme ad altri, tra cui lo stesso padre Lanza. Condotto la sera dell’8 aprile 1860 al forte di Castellammare, fu deferito al tribunale militare ed era ormai in attesa della condanna alla fucilazione quando si decise di sottoporlo al giudizio del tribunale ordinario. Si salvò solo grazie all’esito felice della spedizione garibaldina. La polizia, infatti, era riuscita ad avere le prove della sua colpevolezza come quella degli altri arrestati in seguito alla confessione del fontaniere Francesco Riso, il capo della rivolta della Gancia del 4 aprile 1860, che era stato gravemente ferito e fatto prigioniero. Nel 1862 Giovanni Riso fu aiutante di campo del generale Ignazio Pettinengo e ufficiale d’ordinanza di Vittorio Emanuele II. Poco più che trentenne fu eletto deputato al Parlamento. Nel 1874, abbandonata l’esperienza politica, si trasferì quasi stabilmente a Carlentini per occuparsi delle sue terre, quel vastissimo feudo Murgo – 2.300 ettari di terreno che dalle porte di Carlentini si estendevano fino alla spiaggia di Agnone Bagni – acquistato dal nonno nel 1836 dal principe di Palagonia. Seguì da vicino le vicende amministrative locali e fu anche consigliere comunale. Morì a Palermo il 7 novembre 1901.

 

Giovanni Riso, Barone di Colòbriaultima modifica: 2007-10-04T18:20:00+02:00da silviobreci
Reposta per primo quest’articolo